Guarda gli immobili dell'agenzia di
Ceriale | Borghetto S.S. | Loano | Finale L. | Milano

La nuova cessione dei crediti fiscali derivanti da interventi di ristrutturazione edilizia e di riqualificazione energetica

A cura di Cristoforo Florio (Dottore commercialista)

Con l’articolo 121 del recente D.L. n. 34/2020, è stata prevista una generalizzata possibilità di trasformare le detrazioni per interventi di ristrutturazione edilizia e di riqualificazione energetica (di qualsiasi importo) in crediti d’imposta cedibili a chiunque (incluse le banche e gli altri intermediari finanziari).

 

In particolare, la nuova normativa prevede per le spese sostenute nel 2020 e nel 2021 relativamente alle seguenti operazioni:

 

- interventi di recupero del patrimonio edilizio effettuati sulle parti comuni di edificio residenziale;

- interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia effettuati sulle singole unità immobiliari residenziali, anche rurali, e sulle loro pertinenze;

.- interventi di efficientamento energetico;

- interventi di adozione di misure antisismiche;

- interventi di recupero o restauro della facciata degli edifici esistenti;

- interventi di installazione di impianti fotovoltaici;

- interventi di installazione di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici;

 

la possibilità di optare (mediante un apposito canale telematico che sarà a breve disponibile), in luogo dell’utilizzo diretto della detrazione in dichiarazione dei redditi:

 

- per un contributo, sotto forma di sconto in fattura, sul corrispettivo dovuto al fornitore dell’intervento, fino a un importo massimo pari al corrispettivo dovuto a quest’ultimo. Il fornitore, a sua volta, recupera lo sconto praticato al cliente sotto forma di credito d'imposta, con facoltà di cedere tale credito ad altri soggetti, ivi inclusi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari;

 

oppure

 

 - per la trasformazione del corrispondente importo in credito d'imposta (in questo caso, quindi, occorrerà saldare per l’intero l’importo della/e fattura/e del fornitore), con facoltà di successiva cessione di tale credito ad altri soggetti, ivi inclusi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari.

 

I crediti d'imposta in questione sono utilizzati anche in compensazione, sulla base delle rate residue di detrazione non fruite.

 

Inoltre, il credito d'imposta è usufruito con la stessa ripartizione in quote annuali con la quale sarebbe stata utilizzata la detrazione (10 anni, 5 anni, ecc.), fermo restando che, per espressa previsione di legge, la quota di credito d'imposta non utilizzata nell'anno non potrà essere usufruita negli anni successivi e non potrà essere richiesta a rimborso.

La norma sarà operativa solo a seguito di un apposito provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate, che dovrà essere adottato entro e non oltre il prossimo 18 giugno 2020.

 

info@studio-florio.it

Le nostre sedi
ageCASA Ceriale
Piazza della Vittoria, 14 - 17023 Ceriale (SV)
Tel. +39 0182 1981066
Email ceriale@agecasa.com
ageCASA Borghetto S. Spirito
Corso Europa, 141 - 17052 Borghetto S. Spirito (SV)
Tel. +39 0182 1981065
Email borghetto@agecasa.com
ageCASA Loano
Corso Europa, 21/b - 17025 Loano (SV)
Tel. +39 019 2072298
Email info@agecasa.com
ageCASA Finale Ligure
Lungomare / Vico Tubino, 18 - 17024 Finale Ligure (SV)
Tel. +39 019 2072076
Email finale@agecasa.com
ageCASA Milano
Corso di Porta Romana, 124 - 20122 Milano
Tel. +39 02 39308715
Email milano1@agecasa.com